PFR Group Hotline: 800 800 120
Polish law
Home > Polish law for investors > Intellectual property protection system in Poland > Diritti di proprietà intelettuale in Polonia

Diritti di proprietà intelettuale in Polonia



In un’economia sempre di piú basata sulla conoscenza, la proprietà intellettuale è uno dei fattori che aiutano a creare vantaggi competitivi rispetto ad altri attori del mercato e che sono decisivi per il successo nel mercato stesso. Tuttavia, la mancata protezione dei propri diritti in materia di proprietà intellettuale può causare danni irreversibili.
La protezione dei marchi, invenzioni e modelli, nonché altre soluzioni creative, non solo permette di trasformare un’idea in un diritto avente un valore reale di mercato, ma impedisce anche l’eventuale violazione del diritto stesso. Indipendentemente dai benefici che derivano dal rafforzamento della posizione di mercato, la registrazione del diritti di proprietà intellettuale offre anche notevoli vantaggi fiscali:

  • Diritti di proprietà intellettuale, che costituiscono immobilizzazioni immateriali, possono essere oggetto di ammortamento e conseguentemente riducono gli utili soggetti a tassazione
  • Le licenze possono essere fonte di ricavi; possono anche servire da strumento per la creazione di costi

Visti i vantaggi, è sorprendente come relativamente pochi imprenditori approfittino, nella loro attività, dei diritti della proprietà intellettuale. Lo scopo del presente documento è la presentazione degli strumenti di protezione dei diritti della proprietà intellettuale in Polonia nonché delle diverse possibilità che offrono.


1. Base legislativa

La materia della proprietà intellettuale in Polonia è regolata da due principali normative: la Legge sul diritto d’autore ed altri diritti nonché la Legge sui diritti della proprietà industriale.


2. Diritto d’autore

La legge sul diritto d’autore ed altri diritti tratta delle opere dell’ingegno di carattere creativo che appartengono alla letteratura, al giornalismo, alla scienza, alla musica, all' informatica ed altri campi di espressione. La Legge sul diritto d’autore ed altri diritti, a differenza della Legge sui diritti della proprietà industriale, non prevede alcun obbligo di registrazione; tuttavia essa regola in modo dettagliato la concessione delle licenze, la cessione dei diritti, l'usufrutto legale dei diritti d’autore e molte altre questioni correlate.

I diritti materiali d’autore conferiscono all’autore il diritto esclusivo di utilizzare l'opera e di disporne in tutti i cosiddetti campi di utilizzazione, nonché il diritto alla retribuzione per l’utilizzazione dell’opera da parte di altri.

I diritti morali d’autore - che tutelano il legame tra l’autore e l’opera - sono illimitati nel tempo e non possono essere soggetti a rinuncia o alienazione. In particolare, grazie al diritto morale d’autore è possibile:

  • rivendicare la paternità dell’opera;
  • contrassegnare l’opera con il proprio nome o pseudonimo oppure pubblicarla in modo anonimo;
  • opporsi a qualsiasi modificazione del contenuto dell’opera o della sua forma, nonché rivendicare la sua corretta utilizzazione;
  • decidere in ordine alla prima pubblicazione dell’opera;
  • controllare il modo di utilizzazione dell’opera.

3. Diritti di proprietà industriale: tipi di protezione concessa

Secondo la legge polacca la proprietà industriale può essere protetta con i seguenti strumenti:

  1. brevetti concessi per invenzioni,
  2. registrazione dei modelli di utilità,
  3. registrazione dei modelli o disegni,
  4. registrazione dei marchi,
  5. registrazione delle denominazioni geografiche,
  6. tutela dalla concorrenza sleale.

Dai suddetti strumenti i piú utilizzati sono i primi quattro; di seguito Ve li illustriamo.


4. Brevetto

Brevetti vengono concessi – indipendentemente dal settore – per le invenzioni che si caratterizzano dalla:

  • novità,
  • attività inventiva,
  • industrialità.

Un’invenzione è nuova se non fa parte del patrimonio tecnico preesistente. Per patrimonio tecnico preesistente si intende tutto ciò che, prima della data, secondo la quale viene stabilità la priorità per ottenere un brevetto, è già divulgato tra il pubblico in forma di descrizione scritta od orale, o tramite l’uso, o ancora la sua presentazione o rivelazione, in qualunque forma avvenga.

La protezione dell’invenzione inizia al momento del deposito della domanda all’Ufficio Brevetti; tuttavia tale protezione è condizionata alla concessione del brevetto. Il brevetto può essere concesso per un periodo massimo di 20 anni.

L’equivalente del brevetto polacco, a livello europeo, è il cosiddetto brevetto europeo, che può essere concesso dall’Ufficio Brevetti Europeo con sede a Monaco.


5. Modello di utilità

Il modello di utilità è una nuova ed utile funzione tecnica riguardante la forma oppure la struttura di un oggetto. Il modello di utilità viene riconosciuto come una funzione nuova ed utile se produce effetti pratici nella produzione oppure nell'uso di prodotti. Il modello di utilità è simile al brevetto però i requisiti per la sua registrazione sono meno rigorosi, conseguentemente molto spesso è possibile registrarlo quando non è possibile la registrazione del brevetto.

La protezione del modello di utilità inizia al momento del deposito della domanda di registrazione ed è condizionata all'effettiva registrazione. Si può registrare il modello di utilità per il periodo massimo di 10 anni.


6. Modelli o disegni

Modello o disegno è una nuova e caratteristica forma di un oggetto oppure di una sua parte, costituita in particolare dalle linee, dai contorni, dalle forme, dai colori, dalla struttura oppure dal materiale dell’oggetto e/o da un suo ornamento.

La protezione legale dei modelli e disegni inizia al momento del deposito della domanda di registrazione ed è condizionata all’effettiva registrazione, confermata da un certificato di registrazione rilasciato dall’Ufficio Brevetti. In Polonia il periodo di protezione dura al massimo 25 anni, ed è diviso in 5 periodi, per i quali si devono pagare le relative tasse.

L’equivalente del modello o disegno polacco a livello europeo è il cosiddetto design europeo, che può essere registrato dalla Polonia nell’Ufficio presso l’OAMI (Organizzazione per l’armonizzazione del mercato interno) con sede in Alicante (Spagna). Il design europeo garantisce la protezione in tutta l’Unione Europea.

Occorre sottolineare che la procedura riguardante i modelli e disegni è piuttosto veloce e la registrazione definitiva può avvenire entro 2-3 mesi.


7. Marchio

Il marchio può consistere in segni grafici e non-grafici di un certo genere, che permettono di distinguere i prodotti di un’azienda da quelli di un’altra. Di conseguenza (o pertanto) possono essere registrati come marchi: parole, slogan pubblicitari, suoni, melodie, disegni, combinazioni di parole e di elementi grafici, colori, ologrammi, elementi distintivi di indirizzi internet, forme tridimensionali, nomi delle aziende nonché ogni altra denominazione che permetta di distinguere prodotti e servizi di un’impresa dai prodotti e servizi di un’altra.

Un marchio è protetto dal momento del deposito della domanda di registrazione, ma la protezione definitiva è condizionata dall’effettiva registrazione. Il periodo di protezione dura al massimo 10 anni e può essere prolungato presentando ulteriori domande, a patto che vengano depositate entro un apposito termine.

Gli avvocati polacchi possono registrare i marchi sia in Polonia che presso l’OAMI ad Alicante. Nel caso di registrazione presso l’OAMI un marchio è protetto in tutti i paesi dell’ UE.

E’ inoltre possibile la registrazione di un marchio internazionale effettuata dall’Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale (WIPO) a Ginevra la quale ha lo status della domanda nazionale nei paesi indicati nella domanda internazionale.


8. Scelta dei modi di protezione

Prima di intraprendere qualunque attività diretta alla presentazione della domanda per la protezione, occorre analizzare tutti i possibili tipi di protezione, tenendo conto di diversi fattori, quali: la strategia di mercato di un dato prodotto, il periodo di protezione richiesto oppure i mezzi finanziari destinati alla protezione dei diritti; occorre pertanto analizzare tutti i possibili mezzi di protezione legale, al fine di scegliere il migliore. Molto spesso è solo così che si può scegliere tra i vari tipi di protezione, dal momento che i loro campi sovente si sovrappongono. Un esempio è dato dal logo, che può essere protetto sia come modello o disegno, che come marchio. Nel primo caso, la protezione viene concessa per il massimo di 25 anni, mentre in ipotesi di marchio, per periodi di 10 anni, senza un limite massimo di protezione. Un altro esempio è dato dalla scelta del tipo di protezione per una tavola con un sistema di montaggio, per la quale si può optare per un’applicazione relativa ad un modello di utilità, oppure proteggere il design con un modello o disegno.


9. Modi di procedere in caso di violazioni

In generale, vi è violazione dei diritti di proprietà industriale quando un terzo invade il campo protetto da un'esclusiva concessa. Le violazioni piú frequenti consistono in: imitazione non-autorizzata e falsificazione dei prodotti e delle loro denominazioni; copia o riproduzione di opere senza autorizzazione, nonché eliminazione illegale delle denominazioni altrui. Il tipo più semplice di protezione è quello fornito dal diritto civile, ma in alcuni casi il soggetto autorizzato ha anche a disposizione mezzi amministrativi o penali.

La protezione civile dei diritti esclusivi consiste in un sistema di pretese a disposizione del soggetto autorizzato, in caso di violazione dei suoi diritti. Nel caso in cui l'autore della violazione non si conforma a quanto previsto dalle “lettere di avvertimento” del soggetto autorizzato, le disposizioni di legge prevedono un ampio numero di pretese, sia pecuniarie che non-pecuniarie, a tutela dei diritti lesi. La via più immediata è quella di chiedere la cessazione delle violazioni, con lo scopo di costringere il soggetto a rinunciare all’attività illegale; questa pretesa può essere oggetto di ricorso in tribunale e poi di una esecuzione forzata. Inoltre, il che è importante dal punto di vista della tempestività dell’azione, per far valere diritti di proprietà industriale sono possibili misure provvisorie, quali un sequestro delle merci della concorrenza introdotte sul mercato in violazione dei diritti altrui, o il divieto di un'ulteriore introduzione delle merci sul mercato. Oltre a chiedere la cessazione delle violazioni, il soggetto autorizzato può rivendicare altre pretese di carattere materiale, in particolare il risarcimento danni.


10. Costi

I costi della procedura per assicurarsi i diritti di proprietà intellettuale consistono in costi di registrazione, traduzioni (se applicabili) e retribuzione degli avvocati. I costi di registrazioni dipendono dall’ambito di protezione richiesto. I costi di traduzione incidono solo se tale attività risulta necessaria. Per quanto riguarda invece la retribuzione degli avvocati, questa varia in base al paese in cui l'avvocato esercita la sua professione.
Le retribuzioni degli avvocati polacchi sono sostanzialmente inferiori a quelle degli avvocati stranieri di circa il 50-60%, e gli avvocati polacchi possono operare non solo in Polonia ma anche presso L’Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale (WIPO) a Ginevra (marchi internazionale) nonché presso l’OAMI ad Alicante (relativamente ai disegni e marchi comunitari).

* * *

Qualora foste interessati a registrare diritti di proprietà intellettuale oppure vi occorra assistenza in merito (inclusi diritti d’autore), Vi preghiamo di contattare gli autori del presente documento:

avv. Adam Morawski, Managing Partner
Tel: +48 22 250 11 22
E-mail: adam@morawski.eu

Le informazioni contenute nel presente documento sono autentiche ed aggiornate al momento della pubblicazione. In ogni caso esse non costituiscono un parere legale, che potrà essere fornito dai nostri legali esclusivamente su richiesta e con riferimento ad una fattispecie concreta.

(Novembre, 2011)


If you would like to receive a Newsletter, please fill out the form

Polish Investment and Trade Agency

ul. Bagatela 12

00-585 Warsaw

Fax: +48 22 334 9889

e-mail for investors: invest@paih.gov.pl

Taxpayer's Identification Number (NIP) PL 526-030-01-67

webmaster@paih.gov.pl

All Rights Reserved; Legal disclaimer

fb yt tw internetART
This website uses cookies. Use of this site constitutes agreement to the record or use.
For more information, see our Privacy Policy. I accept the Privacy Policy zamknij